insegna mesticheria

mesticheria

In dizionario di Silvio Dell'Acqua

(s.f.) regionalismo toscano e romagnolo, bottega dove si vende l’occorrente per verniciare e dipingere e piccoli utensili per la casa; colorificio, negozio di belle arti. Deriva da mestica, impasto di vari colori da stendere sulla tela prima di dipingere, seguite dal suffisso derivativo —erìa tipico dei nomi di negozi, botteghe e laboratori artigianali. Il termine mestica o mesticanza[1] in toscano significa “mescolanza”, da mesticciare, “mischiare”, “confondere”, probabilmente dal latino miscere (da cui anche mescere).

Foto in alto: insegna di una “mesticheria” a Bologna.


  1. [1]Quest’ultimo in particolare a Pisa, cfr. Pianigiani (op. cit.).
  • mestica” in Pianigiani, Ottorino Vocabolario Etimologico Della Lingua Italiana, 1907.
  • mesticheria” in Vocabolario online. Treccani.
  • mesticheria” in Dizionario Italiano. La Repubblica.