Leggi

Nonno Gelo, l’altro Babbo Natale

In di Silvio DellʼAcqua

Ha una lunga barba bianca e guance rosse, un lungo abito orlato di pelliccia, viene d’inverno e porta i regali ai bambini. Ma arriva qualche giorno dopo Babbo Natale e veste di blu o azzurro: è Nonno Gelo.

Leggi

Il mistero del Passo Djatlov

In di Alessio Lisi

“Urali – Inverno del 1959” poteva essere il titolo dell’album fotografico di dieci giovani intenti ad allenarsi per una spedizione artica, purtroppo andò diversamente: la macchina fotografica è stata abbandonata nella tenda che fu ritrovata squarciata per una fuga precipitosa. Su cosa li abbia spinti a fuggire dalla tenda in tutta fretta nel cuore della notte non si può far altro che fare ipotesi, ed è per questo che da anni la domanda rimane senza risposta: cosa è davvero successo sul Passo Djatlov nell’inverno del 1959?

Leggi

Il disastro di Černobyl’, 26 aprile 1986

In di Silvio DellʼAcqua

La notte tra il 25 ed il 26 aprile 1986 il reattore numero 4 della centrale elettronucleare di Černobyl’ esplose, proiettando nell’atmosfera vapori e polveri altamente radioattive: fu il più disastroso incidente mai verificatosi in una centrale nucleare e uno degli unici due classificati al massimo livello della scala INES dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica: l’altro, è quello di Fukushima del 2011.

Leggi

Pripjat’ 1970, storia di una città

In di Silvio DellʼAcqua

Nel 30º anniversario di uno dei più grandi disastri del XX secolo, vi raccontiamo il prequel: la storia di Pripjat’, una città viva, moderna, multietnica e con un grande potenziale scientifico.

Leggi

Šaropoezd, l’alta velocità bolscevica

In di Silvio DellʼAcqua

Immaginate un treno ad alta velocità, aerodinamico, le cui vetture corrono su una pista di calcestruzzo senza rotaie in equilibrio su grandi ruote sferiche. Futuro, fantascienza? No, siamo nella Russia sovietica del 1933.

Leggi

Spia e lascia spiare

In di Alessio Lisi

Missioni pericolose e incredibili sotto i mari, il nemico alle calcagna, agenti infiltrati, inganni. Il recupero di un relitto a cinquemila metri di profondità. Un nuovo romanzo? No, sono storie vere della Guerra Fredda: dallo spionaggio sottomarino alle “ghost stories”.

Leggi

Kiipsaare Tuletorn, il faro pendente

In di Silvio DellʼAcqua

All’imbocco dell Golfo di Riga, al confine tra Estonia e Lettonia, si trova una grande isola che divide le acque della baia del Mar Baltico: è l’isola di Saaremaa, la più grande dell’arcipelago estone. Un paradiso naturale che vanta località termali e suggestivi edifici come mulini a vento, fortezze teutoniche e fari. Uno di questi ultimi è davvero particolare: è pendente, come la celeberrima torre di Pisa, ma -a differenza di quest’ultima- si è in parte raddrizzato. Da solo.