Leggi

Chi non salta…

In Folklore, Sport, Storia di Silvio DellʼAcqua

«Chi non salta è…» completate la frase con un avversario a vostro piacimento ed otterrete uno degli slogan più inflazionati del folklore calcistico. Ma le sue origini risalirebbero alla guerra della Falkland, ed i primi a “non saltare” furono gli inglesi…

Leggi

Pippo: il misterioso fantasma di Salò

In Aviazione, Folklore, Militaria, Storia di Silvio DellʼAcqua

«Passa, come un malaugurato uccello notturno, sulla città e sulla campagna, e i vetri tremano al suo rombo sinistro, e gli uomini chiusi nelle case o nelle fattorie lo seguono con il pensiero mentre si avvicina, vola sopra la casa, si allontana…» Durante la seconda guerra mondiale l’alta Italia, occupata dai nazisti, era funestata da un’oscura presenza, un fantasma dalle sembianze di un aeroplano. Il suo nome era “Pippo”.

Leggi

Guy Fawkes: dalla congiura delle polveri alla Warner Brothers

In Cultura popolare, Folklore, Personaggi, Storia di Alessio Lisi

Assunta a simbolo da movimenti come Anonymous, Occupy e Movimiento 15-M (meglio noto come degli “Indignados”), la maschera di Guy Fawkes -resa celebre dal film “V per vendetta”- è diventata un generico e universale emblema di ribellione, utilizzata anche da molti utenti dei social network come immagine personale (a volte basta poco per sentirsi eroi). Ma quanti di coloro che la esibiscono sul proprio profilo personale come simbolo di anarchia ne conoscono la vera origine, legata invece al fondamentalismo cattolico?

Leggi

Ragnarok: Il crepuscolo degli dei

In Folklore, Geografia insolita di Benedetta Melappioni

Ogni popolo ha i propri miti ed ogni mito, seppure con significati diversi, ha il proprio culmine escatologico: una profezia più o meno precisa sulle modalità con cui avverrà la fine dell’umanità e sui segni che la precederanno. Una delle più epiche ed articolate è senza dubbio quella della mitologia norrena, il Ragnarǫk, il “crepuscolo degli dei”. Uno scontro di incredibile violenza, fratelli contro fratelli, dei contro dei, cataclismi di immane potenza. Ma alla fine di tutto, quando i colpi delle spade cesseranno di echeggiare e la terra smetterà di tremare, il crepuscolo lascerà il posto all’alba di un nuovo sole.

Leggi

Mappa dei roghi lombardi (XIV-XVI secolo)

In Folklore di Andrea Panigada

Il mito delle streghe è l’antichissimo frutto di mescolanze tra le credenze cattoliche di immortalità dell’anima e dell’esistenza di Satana con superstizioni pagane. Già Plinio il Vecchio parla di striges, donne trasformate in uccelli, che presero fattezze umane solo nel Medioevo. Ma chi erano davvero le fattucchiere?

Leggi

Carraigín, budino di alga irlandese

In Archeologia, Architettura, Arte, Automobili, Aviazione, Bandiere, Cinema, Città, Confini, Cultura, Cultura popolare, Disastri industriali, Elenchi, Errori militari, Fari, Fari inattivi, Ferrovie, Finis Terrae, Folklore, Folklore, Food, Funicolari, Gastronomia, Geografia insolita, Geopolitica, Islands, Isole, Leggende contemporanee, Luoghi di scontro, Ma veramente è successo?, Micronazioni, Microstati, Militaria, Military, Monorotaie, Musica, Navigazione, Numismatica, Performing Arts, Personaggi, Scienza e divulgazione, Senza categoria, Senza categoria, Sottomarini, Spazio, Speciale Halloween, Speciale Natale, Spionaggio, Sport, Storia, Superstizioni e credenze, Tecnologia, Toponomastica, Toponymy, Transports, Tranvie, Trasporti, Unusual geography, websites di Silvio DellʼAcqua

l carraigín (in lingua irlandese, o An Cairgean in gaelico scozzese) è un budino tipico del West Cork, suggestiva zona dell’Irlanda sud occidentale, ma diffuso anche in Scozia. Si ottiene dalla bollitura nel latte del muschio d’Irlanda o lichene marino, nome sotto cui vanno due alghe diffuse su tutte le coste dell’atlantico: Chondrus crispus (Stackhouse, 1797) o “crondo crispo” e Gigartina mamitiosa, dette appunto carraigín che in irlandese significa “muschio della roccia” e note …