Leggi

Vaxcards: vaccinarsi è un gioco

In Dal mondo di Silvio DellʼAcqua

‘argomento vaccini, purtroppo, è sempre attuale. Purtroppo per due motivi: primo, perché nonostante gli sforzi scientifici, logistici ed economici profusi, malattie infettive potenzialmente pericolose continuano ad esistere e diffondersi. Probabilmente non sarà mai possibile debellarle completamente, quello che possiamo fare è contenerne la diffusione e ridurre i danni sull’uomo. Secondo, perché ultimamente sta dilagando un’altra pericolosa infezione: l’imbecille moda del …

Leggi

Una Wunderkammer ottocentesca: le rarità collezionistiche di Frederick Stibbert

In Dal mondo, Geografia insolita di Silvio DellʼAcqua

Ottocento fu caratterizzato da una rivoluzione del modo di viaggiare e dalla passione per l’avventura. I progressi tecnologici portarono ad un miglioramento dei mezzi di trasporto (la ferrovia, il piroscafo), di comunicazione (il telegrafo) e di informazione (nascono i quotidiani). L’impero coloniale britannico raggiunse la sua massima estensione, portando queste innovazioni anche negli angoli più remoti del globo. Sebbene lungi da essere …

Leggi

Il disastro di Černobyl’, 26 aprile 1986

In Disastri industriali, Storia di Silvio DellʼAcqua

La notte tra il 25 ed il 26 aprile 1986 il reattore numero 4 della centrale elettronucleare di Černobyl’ esplose, proiettando nell’atmosfera vapori e polveri altamente radioattive: fu il più disastroso incidente mai verificatosi in una centrale nucleare e uno degli unici due classificati al massimo livello della scala INES dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica: l’altro, è quello di Fukushima del 2011.

Leggi

Pripjat’ 1970, storia di una città

In Città, Storia di Silvio DellʼAcqua

Nel 30º anniversario di uno dei più grandi disastri del XX secolo, vi raccontiamo il prequel: la storia di Pripjat’, una città viva, moderna, multietnica e con un grande potenziale scientifico.

Leggi

Il Laputazionario

In su Laputa di Silvio DellʼAcqua

Stavo ascoltando la radio in auto quando sento dal conduttore la parola “umarell”. Non conoscendone il significato, non appena possibile l’ho cercata su internet. Nulla. Almeno non così facilmente…