Atlante dei luoghi maledetti

Atlante dei luoghi maledetti

L'Atlante dei luoghi maledetti traccia un inventario inedito delle regioni meno raccomandabili del pianeta. Dalla riserva naturale di Kasanka, nello Zambia, invasa da nugoli di pipistrelli, al tenebroso faro degli uomini scomparsi di Eilean Mor, perso nelle isole Flannan, passando per la sinistra foresta dei suicidi di Aokigabara, in Giappone, o per la diabolica casa coloniale che sorge al 112 di Ocean Avenue, a Amityville, ciascuno dei quaranta luoghi censiti racchiude una storia tanto tormentata quanto affascinante.

Ordina adesso!

Quaranta luoghi del mondo, noti non per la bellezza dei paesaggi, il clima piacevole o le amenità che –giustamente– cerca chi è alla ricerca della méta per le proprie vacanze. Quaranta luoghi maledetti, noti per essere teatro di maledizioni terribili, storie tragiche ed oscure, misteri irrisolti, catastrofi più o meno naturali. Un viaggio tra leggende e profezia, démoni e sovrani sanguinari, ma anche tra le manifestazioni più disastrose della natura. E dell’uomo. Perché l’autore, Olivier Le Carrier, giornalista appassionato di vela, cartografia e navigazione, sa bene «quanto la calamità di un luogo dipenda dall’immaginazione esuberante dell’uomo». I racconti mantengono così un profilo tra lo “scetticismo razionale” e il fascino dell’ignoto, quel tanto che basta per farci sognare senza cadere nella paccottiglia del mistero ad ogni costo. Le splendide carte tratte dall’Atlas de géographie moderne del 1898 e le splendide e macabre illustrazioni (tra le quali anche alcune incisioni di Gustave Doré) completano il libro, cha fa il paio con quell’altro poetico “atlante” di Judith Schalansky, quello delle isole remote.

Silvio Dell’Acqua

Dettagli
Autore:
Serie: Atlanti Bompiani
Genere: Geografia
Tag: fari, geografia, isole
Editore: Bompiani
Anno di Pubblicazione: 2014
Formato: rilegato
Lunghezza: 134
Illustrazioni: Sibylle Le Carrer, Gustave Dorè
ASIN: 8845277976
ISBN: 9788845277979
Prezzo di listino: € 21,50
Dicono
«I luoghi peggiori del mondo, splendidamente incorniciati»