50 sfumature di Lego

In Dal mondo di Silvio DellʼAcqua

Quanti sono i colori LEGO? Come ogni set ed ogni singolo mattoncino, inclusi quelli “speciali”, ogni colore disponibile è identificato da un codice identificativo univoco. Stiamo parlando naturalmente dei moulding colors (colori di stampaggio), i colori propri dei mattoncini ottenuti colorando la plastica con cui il mattoncino viene formato; al netto quindi degli eventuali pattern, ossia le serigrafie applicate su molti pezzi speciali (i cosiddetti decorated), o degli sticker, ossia gli adesivi, per i quali non esiste virtualmente un limite alla varietà di colori.

mattoncino lego 2x1 con stampa "spazio"

Differenza tra moulding color e pattern, su un classico mattoncino Lego 2×1 (3004): in questo caso abbiamo il colore di stampaggio (moulding color) che è il blu, mentre la serigrafia riproduce il classico logo della serie “spazio”. Questo mattoncino, codice 3004p90, fu prodotto dal 1979 al 1987 ed utilizzato in 20 set.



 

Lego palette 2016

La palette ufficiale Lego rilasciata nel 2016 riporta solo 43 colori solid e 14 trasparenti.

Tra gli appassionati, detti AFOL (Adult Fans Of Lego), ci sono alcuni collezionisti specializzati che perseguono la difficile missione di possedere almeno un pezzo rappresentativo per ogni colore e completare così la tavolozza. Ma la storia dei colori lego è una jungla nella quale non è facile districarsi. La palette ufficiale rilasciata dall’azienda ammonta a 57 colori, dei quali 14 trasparenti e 4 speciali (oro, argento, titanio metallizzato e bianco luminescente), ma è ampiamente incompleta dato che si stima siano stati prodotti almeno un centinaio di colori solid e una trentina di trasparenti, oltre ai numerosi colori speciali. A partire degli anni duemila ne furono introdotti molti nuovi: tra i colori più recenti abbiamo il verde sabbia 151, introdotto nel 2000 per la Statua della Libertà (set 3450), il verde oliva 330, introdotto nel 2011 con la serie “Cars” (dal film Disney) e utilizzato poi nelle serie “Dino” e “Movie 2” a partire dal 2012; infine il “vibrant coral” (353) del 2019, comparso la prima volta con il “party bus” della serie “Movie 2”.[1]

statue of liberty 3450

Con la “Statua della Libertà” del 2000 (set 3450) fu introdotto un colore ad hoc: il verde sabbia 151.

pezzi Lego "vibrant coral"

Il “vibrant coral” 353 comparso per la prima volta nel “party bus pop-up” (set 70828) della serie “Movie 2”, 2019.



Poi ci sono i mattoncini Modulex, una serie degli anni ’70 ottimizzata per il modellismo architettonico che gode di una cartella colori a sé stante. Le tinte moulding inoltre sono cambiate nel tempo: alcuni colori furono abbandonati, sostituiti, o modificati. Ad esempio i classici grigi medio (nº 2) e scuro (nº 27), rispettivamente del ’54 e del ’61, furono sostituiti nel 2003 rispettivamente dal “medium stone grey” 194 e dal “dark stone gray” 199, molto simili ma virati verso il blu: questi nuovi grigi leggermente bluastri sono chiamati dai collezionisti “bley“, crasi di blue e gray. Anche il giallo originale nº 3 fu gradualmente abbandonato e sostituito dal “cool yellow” nº 226 a partire dal 2003. Ad aumentare la confusione, alcuni colori sono cambiati mantenendo però il codice e la denominazione: il “new dark red” 154 fu modificato intorno al 2011 e anche il rosso trasparente nº 41 a un certo punto è stato leggermente schiarito, così come l’arancione trasparente nº 182 presenta una grande variabilità. Dulcis in fundo, non sembra facile nemmeno identificarli univocamente: alcuni siti specializzati (ad esempio Bricklink) utilizzano codici e denominazioni differenti da quelle ufficiali[2] e inoltre, come osserva il prof. C. Bartneck dell’Università di Canterbury (Nuova Zelanda),[3] non esiste una corrispondenza univoca con i sistemi RGB, CYMK o Pantone: le stesse palette ufficiali rilasciate nel 2010 e nel 2016 mostrano tonalità leggermente diverse per lo stesso colore. Ad esempio, il “brick yellow” nº 5 è rappresentato nel 2010 con il colore RGB (217, 187, 123) mentre lo stesso è riprodotto nel 2016 come RGB (221, 196, 142),[3] siti indipendenti riportano codici ancora differenti. Ma, in tutto questo, l’azienda sembra non essere mai venuta in aiuto degli appassionati nel fare chiarezza sulla questione cromatica.

Trasparenti e speciali

La gamma dei colori include una serie di colori trasparenti, piuttosto comuni, che accompagnano i solid sin dagli albori e che venivano utilizzati per riprodurre parti vetrate e le luci dei veicoli. Esistono poi i colori speciali, in gran parte introdotti a partire dagli anni duemila e creati per le esigenze specifiche di alcuni set: abbiamo colori metallici, perlacei, fluorescenti (aka glow-in-the-dark), i “lattiginosi” (milky), trasparenti-glitterati e i cosiddetti speckle (lett. “macchiolina”) ossia composti da due colori, uno dei quali è diffuso in piccoli puntini all’interno dell’altro con un effetto “granito”. Ci sono poi pezzi composti da parti di colore diverso inscindibili tra loro: sono i “multicombination” e sembra esistere un codice anche per loro, il nº 30. Caso particolare sono i cosiddetti marbled, ossia “marmorizzati”. Non si tratta di un colore codificato, ma mattoncini (talvolta di test) fatti nei primi anni ’50 con gli avanzi dei pellet di plastica di altri stampaggi: i colori così mischiati formavano sfumature e strisce del tutto casuali, cosicché ogni mattoncino così ottenuto era unico.[4] Questi venivano venduti sfusi nei rivenditori in Danimarca come “seconda scelta”, ma oggi – che questa pratica è stata abbandonata ormai da tempo – sono ricercatissimi dai collezionisti e possono raggiungere quotazioni molto alte.[5]

30293 speckle black silver

Un esempio di “speckle”: il “cool silver” (nero-argento) 304 su un mattoncino 30293.

marbled

Mattoncini “marbled” (anni ’50-’70).



trasparente

Trasparente neutro 40

warm gold 297

“Oro caldo” 297, aka “oro perlaceo”.

glitter transparent pink

“Rosa trasparente-glitter” 114.



 

I più longevi

Alcuni colori, comunque, sono rimasti in produzione da quando furono commercializzati i primi set Lego negli anni ’50 e sono fondamentalmente i colori “base”: il bianco (nº 1), il rosso brillante (nº 21), il blu brillante (nº 23), il giallo brillante (nº 24), il verde scuro (nº 28) e il “trasparente” neutro (nº 40), mentre il già citato rosso trasparente (nº 41) — anch’esso in catalogo dagli anni ’50 — come abbiamo visto sembra essere leggermente cambiato. Stranamente il nero (nº 11), anch’esso immutato, è stato introdotto più recentemente, nel 1960. Il grigio originario (nº 2) fu introdotto nel 1954 ma abbandonato nel 2003 con l’arrivo del nuovo bley, il “medium stone gray” 194.

mattoncino 2x2 3003 vari colori

I più longevi colori ancora in uso: bianco 1, rosso 21, blu 23, giallo 24, verde scuro 28, trasparente 40, nero 11.

I più diffusi sono i “grigi”

Non tutti i colori sono stati prodotti nella stessa quantità: alcuni ovviamente sono molto più frequenti. Secondo Brick Architect,[6] prendendo in considerazione una scatole per ognuno dei set in vendita nel 2019, i colori prevalenti sono nella scala dei grigi: il 17% sono neri, il 16% sono grigio medio (194), il  il 12% sono grigio scuro (199) e il 10% sono bianchi. Il restante 45%, meno quindi della metà, è costituito dai mattoncini colorati, con una prevalenza dei colori “base” come il il rosso, il blu, il marrone, il giallo, e tutti i restanti colori più o meno rari. A questa nettissima predominanza dei grigi rispetto agli altri colori contribuiscono sicuramente le serie “Star Wars” e “Technic“, dove il grigio e nero costituiscono un’ampia parte dei mattoncini contenuti nei set.
distribuzione colori nei mattoncini Lego

Distribuzione dei colori dei mattoncini nei set Lego nel 2019 (fonte: Brick Architect).



Ma esiste anche un set totalmente monocromatico, come i vecchi film: si tratta infatti del battello a ruota “Steamboat Willie” (set 21317), dedicato allo storico cortometraggio d’animazione Disney del 1928 che vede Mickey Mouse alla guida di un battello a vapore. Una volta assemblato, all’esterno restano visibili solo pezzi bianchi, neri e nel grigio scuro (199) dando l’impressione di una vecchia pellicola in bianco e nero, mentre quelli colorati (comunque presenti) sono relegati alle parti strutturali e meccaniche all’interno.

Lego Star Destroyer 75055

La serie “Star Wars” ha certamente contribuito alla predominanza dei grigi (foto: set 75055).

Lego "Steamboat Willie" (set 21317)

Lo “Steamboat Willie” (set 21317) del 2019 è il primo set monocromatico.



I più rari


I colori più rari sono quelli prodotti specificamente per una particolare serie (aka “tema”) o un set, e solitamente si tratta di colori cosiddetti “speciali” come i glitterati e gli speckled, ma non sempre. Tra questi abbiamo ad esempio il rosso chiaro 100 e il rosso medio 101, che si trovano solo nella vecchia serie “Scala”; il “pastel blue” 11 utilizzato quasi esclusivamente nei set Maersk, il “transparent reddish lilac” 284 o il “transparent bright yellowish green” 227, utilizzati solo nella serie “Clickits“, incentrata sulla produzione di braccialetti e monili per ragazzine: il primo abbastanza diffuso, il secondo si trova solo in 5 pezzi. Il “black IR” 109 (nero infrarosso) è utilizzato solo per il trasparente di copertura del LED infrarosso dei telecomandi.
elmo di Atlantis

L’elmo dell’imperatore di Atlantis (89918) è uno degli unici due pezzi prodotti nel colore “speckle black-gold”: l’altro è l’armatura.



Ma fanno di meglio lo “speckle black-gold” (oro puntinato di nero, codice Lego sconosciuto) utilizzato solo per l’elmo e armatura dell’imperatore di Atlantis (2 pezzi) e il “ruggine” (rust) 216, anche’esso solo in due pezzi: il “rastrello del contadino” della serie Scala (33173) e il braccio di sollevamento (2651) della motovedetta della guardia costiera (set 6353). Alcuni colori, poi, addirittura esistono in un solo pezzo dello sterminato catalogo Lego, ad esempio:

Lego Fabuland Peter Panda

  • La tinozza (4424) di Peter Panda della serie Fabuland (1983), cui il simpatico plantigrado è molto affezionato, ha un colore tutto per sé: il “Fabuland orange” 19.


gatto Lego Scala

  • il gatto della serie “Scala” del 2000, chiamato 6251px2 (nome insolito per un felino), è l’unico pezzo Lego nel colore “very light orange” 36.


Cristallo 52 "chrome green"

 





Ma ci sono colori ancora più rari: quelli non utilizzati in nessun pezzo, nemmeno uno. Com’è possibile? Talvolta trapela documentazione tecnica da cui si evince l’esistenza in catalogo di colori, i quali però non risultano utilizzati in alcun pezzo conosciuto. Forse vecchi colori dimenticati, utilizzati solo per prototipi e mai entrati in produzione; forse progetti accantonati. Questi sono ad esempio il “cobalt blue” 8, il “flame reddish orange” 193, il “dark curry” 209. Li vedremo un giorno in qualche nuovo set? Chissà. Nel frattempo, se volete addentrarvi nel magico e cervellotico mondo dei colori Lego, sull’argomento il già citato prof. Bartneck ha pubblicato un libro: The Unofficial LEGO Color Guide.

The unofficial Lego color guide




Note

  1. [1]New part out – Set # 70828 ‘Pop-Up party bus’” in Briks-4-Kicks. Web.
  2. [2]Esistono diverse numerazioni utilizzate da siti indipendenti, ad esempio Bricklink. In questo articolo si fa riferimento esclusivamente agli ID ufficiali Lego.
  3. [3]Bartneck, Christopher (PhD) “The curious case of LEGO colors” in bartneck.de Web.
  4. [4]Secondo Howerter (op. cit.), questi mattoncini sono anch’essi classificati come “multicombination” nº 30.
  5. [5]Marbled Lego brick and other parts” in Brickset Forum. Sett. 2014. Web.
  6. [6]Alphin, Tom “Understanding Lego: Bricks“,
  7. [7]Non va confusa però la rarità del colore con quella del pezzo, i secondi infatti – pur avendo un colore considerato “raro” – possono essere presenti in diversi set, come dimostrano gli ultimi due esempi di questa lista.

Fonti

 



L'autore

Silvio DellʼAcqua

Facebook Google+

Fondatore, editore e webmaster di Laputa. Cultore Italiano di Storia della Croce Rossa Internazionale (CISCRI). Le notti insonni sono fatte per scoprire vecchie ferrovie ed esotiche monorotaie, progetti perduti di un futuro che non è mai arrivato se non in qualche universo parallelo.