Moby Prince la notte dei fuochi

Moby Prince la notte dei fuochi

La Ustica del mare

La strage del traghetto Moby Prince raccontata a fumetti, in un intreccio inestricabile di interessi politici, ecomafie, depistaggi dei servizi segreti e verità insabbiate.
Ordina adesso!

La notte del 10 aprile 1991, a poche miglia dal porto di Livorno, la nave traghetto Moby Prince diretta ad Olbia si scontra con la petroliera Agip Abruzzo, prendendo fuoco: nell’incidente perdono la vita 140 persone tra equipaggio e passeggeri. L’inchiesta, conclusa frettolosamente, attribuisce le cause del disastro alla nebbia e all’equipaggio che avrebbe lasciato il governo della nave al pilota automatico per poter vedere la partita trasmessa in televisione. Sin da subito qualcosa non torna: le dichiarazioni ufficiali sono contraddette dai numerosi testimoni che, a terra, hanno potutto assistere al disastro. «Livorno ci vede con gli occhi» si sente nella richiesta di soccorso lanciata dalla petroliera via radio, perché di nebbia non ce n’era. I soccorsi indugiano, tardano, perdono tempo in manovre inutili mentre a bordo ci sono ancora persone vive. Perché? «Non era tecnicamente possibile mandare gli uomini a bordo», si difendono le autorità, mentre un eroico marinaio smentisce questa tesi salendo a bordo privo di equipaggiamento e riesce persino ad agganciare un cavo di rimorchio ad una bitta per impedire che la nave vada alla deriva. Addirittura una videocassetta contenente un filmato amatoriale registrato a bordo scompare per un anno, e quando ricompare una parte del nastro è stata rimossa. Solo cialtroneria tipicamente italiana, o dietro c’è qualcosa di più grande da nascondere? A poco a poco emerge uno scenario inquietante e sconcertante: testimonianze che non concordano con le dichiarazioni delle autorità, manomissioni, depistaggi, prove scomparse, navi non segnalate, ufficiali trasferiti, legami con l’eversione nera e la “strategia della tensione”, in un intreccio di politica internazionale, traffici d’armi, ecomafie e servizi segreti. Una matassa intricatissima di cui una giovane giornalista sembrava aver trovato un bandolo: si chiamava Ilaria Alpi, uccisa a Mogadiscio il 20 marzo 1994.

Moby Prince la notte dei fuochi è un graphic novel che —attraverso il linguaggio efficace e diretto del fumetto— racconta i fatti di quella tragica notte e le successive indagini basandosi su eventi reali e documentati, addirittura utilizzando nei dialoghi «trascrizioni fedeli di registrazioni radio o dichiarazioni ufficiali», opportunamente evidenziate per la massima verificabilità. Anche i personaggi sono quasi tutti reali, con qualche licenza alla fantasia come nel caso degli investigatori della polizia scientifica che tuttavia, per evidenti necessità di sintesi, riassumono in sé le figure di «vari consulenti, periti ed addetti alle indagini». Un’inchiesta a fumetti su un mistero tuttora irrisolto e una pagina buia della recente storia italiana.

Silvio Dell’Acqua

Dettagli
Autori: ,
Generi: Fumetti, Narrativa storica
Tag: cronaca, Italia, misteri, Moby Prince
Editore: BeccoGiallo
Anno di Pubblicazione: 2010
Formato: copertina flessibile
Lunghezza: 208 pagine
Illustrazioni: Andrea Vivaldo
ASIN: 8885832733
ISBN: 9788885832732
Dicono
«...il bellissimo lavoro di Vivaldo — sostenuto dalla passione civica di BeccoGiallo — con la sua capacità di dare forme e immagini suggestive e realistiche a una storia orribile e dimenticata da molti. rappresenta un prezioso contributo nella difficile ricerca di una verità ancora oggi nascosta, da qualche parte, in qualche archivio.»
«...ci sono di mezzo i depistaggi, i faccendieri senza scrupoli, le carte che scompaiono e le manine che truccano il gioco. Il sospetto mina il racconto ufficiale dei fatti, cammina insieme alla striscia di disegni con cui la matita di Andrea Vivaldo, in questo libro, ci racconta cosa accadde quella notte a Livorno. Come un'ombra strisciante.»
– Fabrizio Colarieti, giornalista
L'autore
Andrea Vivaldo

Lavora nel campo della grafica, dell'illustrazione e de fumetto. Ha disegnato per BeccoGiallo Rina FortUstica; oltre a L'occhio delle ombre (Nicola Pesce, 2008) e Il Treno (Rizzoli–Lizard, 2010).