Guida dell'Africa Orientale Italiana

Guida dell'Africa Orientale Italiana

Generi: Guide, Storia
Tag: Africa, Africa Orientale Italiana, Eritrea, Etiopia, Italia, Somalia
Editore: Consociazione Turistica Italiana
Anno di Pubblicazione: 1938
Una guida del 1938 a cura del CTI (ora Touring Club Italiano) ci consente di rivivere l'epoca delle colonie italiane nel Corno d'Africa, al di là dei giudizi politici e storiografici.

Il 9 maggio 1936, dopo l’invasione italiana dell’Etiopia, Mussolini proclama l’Impero Italiano nel Corno d’Africa: nasce l’Africa Orientale Italiana. Sospendiamo per un attimo i giudizi politici e storiografici sul fascismo e sul colonialismo in Africa. Immaginiamo di visitare quei territori: è Italia, ma è in Africa. Troveremmo cartelli ed insegne in italiano, potremmo parlare in italiano con le persone del posto, potremmo comprare sigarette italiane dal tabaccaio e viaggiare su strade statali e treni italiani. Ma tutto questo in Africa, tra gli splendidi litorali del Mar Rosso, i paesaggi aridi e desolati del Corno, la savana, l’entroterra montuoso e lussureggiante dell’Etiopia, pittoreschi mercati, dromedari, villaggi di capanne e cittadine dalle architetture razionaliste. Immaginiamo di trovare una rigorosa guida turistica che ci consenta di rivivere quel mondo così surreale. All’epoca non c’erano le Lonely Planet, ma le guide del Touring Club Italiano (che allora si chiamava CTI, Consociazione Turistica Italiana) sì: ce n’era una, molto corposa, proprio sull’Africa Orientale Italiana, pubblicata nel 1938. E la potete leggere gratis in ebook (oppure stamparvela) grazie a Petites Ondes. Se non è “geografia insolita” questa…

Silvio Dell’Acqua

Strada_Asmara-Barentu-Sebderat_ponte_sul_Barca

Strada statale italiana SS n°5 (Asmara-Barentù-Sebderat): il ponte sul Barca, in Eritrea (1939)


Grazie a Petites Ondes per avere digitalizzato il libro ed averlo condiviso in rete, nonché ad Alberto Alpozzi per averlo “scovato”.