Denominazioni stradali: "slargo".

In Toponomastica di Silvio Dell'Acqua


“Slargo Vittime della Strada” a Quarrata (prov. di Pistoia).

Uno slargo, derivato di slargare che significa “rendere più largo” (es: «slargare un passaggio»),[1] è un punto in cui una strada, un canale o una valle si allargano appunto, creando uno spazio più ampio. Sarebbe quindi il contrario di →strettoia, termine che indica invece il punto in cui la strada si stringe. Come denominazione stradale è piuttosto raro, secondo il servizio “Google Maps” risulta un solo “slargo Vittime della Strada” a Quarrata ed uno “slargo Lippi”[2] a Grassina Ponte A Ema, entrambi in Toscana. La prima è una minuscola piazzetta, formata da un allargamento di via Trieste, la seconda è uno spiazzo formato dall’intersecarsi di più vie (vedi sotto). Entrambi i casi sembrano confermare che la accezione del termine slargo sia la stessa di largo, ovvero uno spazio la cui funzione di transito prevale su quella di luogo di ritrovo,[3] che è propria invece della →piazza.


“Slargo Lippi” a Grassina di Ponte A Ema (prov. di Firenze).

  1. [1]Slargo“, Dizionario Treccani.
  2. [2]Figura solo nel nome della fermata dell’autobus.
  3. [3]«piccola piazza […] che pur senza avere l’importanza e la fisionomia edilizia di una piazza, ne assolve alcune funzioni pubbliche soprattutto ai fini delle necessità di traffico»: “Largo“, Dizionario Treccani.
Autore

Silvio Dell'Acqua

Facebook Google+

Fondatore, editore e webmaster di Laputa. Cultore Italiano di Storia della Croce Rossa Internazionale (CISCRI). Le notti insonni sono fatte per scoprire vecchie ferrovie ed esotiche monorotaie, progetti perduti di un futuro che non è mai arrivato se non in qualche universo parallelo.