Il Cerchio

Il Cerchio

€ 20,00
Autore:
Genere: Narrativa
Tag: fantascienza
Editore: Mondadori
Anno di Pubblicazione: 2014
ASIN: B00PJDWT7A
ISBN: 9788804643708
«Il progetto di usare i social network per creare un mondo più sano e più sicuro è davvero privo di conseguenze o rende gli esseri umani più esposti e fragili, alla fine più manipolabili? Se crolla la barriera tra pubblico e privato, non crolla forse anche la barriera che ci protegge dai totalitarismi?»

Quando un sogno meraviglioso si trasforma in una terribile distopia? E poi, siamo sicuri che fosse davvero una meraviglia e non un orribile abisso travestito da paradiso per ciechi? Il Cerchio, ultimo lavoro di Dave Eggers pubblicato in inglese alla fine del 2013 e tradotto in italiano per la Mondadori a fine 2014, non può non ricordare gli orribili scenari alla Orwell dove un campus aziendale avveniristico fa da sfondo alla crescita esponenziale di un’azienda privata che riunisce un po’ Facebook, un po’ Twitter, un po’ tutti i vari social ma in modo molto più integrato, molto più profondo, molto più invasivo. Trasparenza è la parola chiave attorno a cui i Tre Saggi, i fondatori de Il Cerchio, fanno ruotare tutto, dalle architetture in vetro, alle telecamere disseminate ovunque per il mondo finanche nei posti più sperduti. Si fa fatica non trattenere il fiato leggendolo. Non tanto per il plot o per lo stile, quanto per le possibili declinazioni sul reale che questo possibile scenario futuribile potrebbe avere. La totale abdicazione, sottilmente non troppo volontaria, dalla propria privacy delinea sviluppi così inquietanti e così aderenti a quanto accade nei realmente esistenti social che si fa fatica a non farsi domande sui comportamenti umani e sulle possibili e concrete implicazioni sulle persone che conosciamo e di cui ci circondiamo. Sociologia ed economia appaiono talmente inscindibili allo sguardo che solo fermandosi a riflettere sulle ricadute e sulle non più future tendenze si può immaginare il percorso intrapreso e quanto di immaginario e quanto invece di reale ci sia. Le recensioni sul romanzo sono quasi tutte del medesimo stampo (una per tutte quella de Il Fatto Quotidiano→).

A me però interessa molto di più l’analisi oggettiva dei dati che emerge dai concreti media sulle ricadute economiche e poi sugli andamenti sociali che queste comportano. Malgrado una scrittura non pulita –gli errori di sintassi nella traduzione infastidiscono–, vale comunque la pena di dare uno sguardo anche all’analisi che lo stesso Zuckerberg ha commissionato alla Deloitte per scoprire quale sia l’impatto sull’economia mondiale del network inventato da lui. Andando oltre il concreto dei numeri e leggendo tra le righe delle statistiche, emergono evidenti, decisi e forse quasi irreversibili cambiamenti comportamentali che vanno ben al di là dell’acquisto di uno smartphone nuovo, più grande, più potente, per facilitare la connessione ed entrare nelle reti (articolo de Linkiesta). Ma, ancor meglio, per quel che è la mia opinione e il mio modo di leggere, l’originale dello studio della Deloitte, per chi non ha problemi con l’inglese e preferisce la fonte diretta (PDF→)

Tornando al libro, scrittura leggera, a tratti al limite dell’adolescenziale superficialità e leggerezza, ma centrata a mano a mano che prosegue la lettura. Da portare in vacanza, ma da non dimenticare al lavoro. O, meglio, quando ci colleghiamo ed entriamo in rete senza sapere o non volendo sapere quali scie di dati ci lasciamo alle spalle per divertimento.

Melchisedec

dai un'occhiata