popolo bue

In dizionario di Silvio DellʼAcqua

(spregiativo) in origine massa remissiva, sottomessa; per associazione con il bue che si lascia aggiogare docilmente; più frequente con il significato di massa ottusa e facilmente manipolabile di individui privi di capacità critica, rozzi, ignoranti (ggente); parte dell’opinione pubblica conquistabile con metodi politici bassamente demagogici (come il pamen et circensens di Giovenale).

Il miserabile ha compiuto un colpo di stato autoritario appellandosi al popolo bue

da Il cimitero di Praga di Umberto Eco, 2010.


 

Immagine: makamuki0/Pixabay