supercàzzora

In dizionario di Silvio Dell'Acqua

(anche supercàzzola) nonsense, grammelot, parola o frase senza senso, insieme casuale di parole (anche inesistenti) il cui scopo è confondere l’ascoltatore. Per estensione anche sciocchezza, frase senza un costrutto logico detta –più o meno consapevolmente– in un contesto che ci si aspetterebbe serio. Il termine supercàzzora è un neologismo derivato da una burla spesso praticata dai protagonisti fiorentini del film Amici miei (regia di Mario Monicelli, 1975) consistente nel confondere un malcapitato investendolo con frasi apparentemente forbite ma prive di senso, pronunciate velocemente e ostentando sicurezza. È lo stesso Mascetti (Ugo Tognazzi) a definire tale tecnica supercàzzora in una scena del film, nella quale apostrofa l’amico Necchi (Duilio Del Prete) per averne interrotto l’esecuzione: «Senti, Necchi, tu non ti devi permettere di intervenire quando io faccio la supercàzzora!». Il termine stesso è un leitmotiv della burla, una delle parole–grammelot più ricorrenti nelle supercàzzore di Tognazzi: siamo quindi di fronte ad una “sineddoche” nella quale una singola parola viene utilizzata ad indicare l’intera frase. Ad esempio: «Tarapia tapioco, brematurata alla supercàzzora o scherziamo!?». Dal film, il termine supercàzzora –spesso storpiato in supercàzzola– è entrato nel lessico popolare e giornalistico ad indicare una affermazione ampollosa e poco chiara, tipicamente nell’ambito della dialettica politica ma anche del linguaggio giuridico–amministrativo ed economico. La versione trivializzata supercàzzola sembra essere più diffusa rispetto all’originale, probabilmente perché nelle battute del film la consonante è quasi indistinguibile e molti perciò intesero fosse una “l”; la maggiore facilità di pronuncia data dalla sostituzione della “r” con la “l” ha poi contribuito all’affermazione di supercàzzola rispetto a supercàzzora. Tuttavia, che la parola fosse originariamente concepita come supercàzzora (con la “r”) è attestato dal libro Amici Miei (Rizzoli, 1976) degli stessi autori della sceneggiatura Leo Benvenuti, Piero De Bernardi e Tullio Pinelli (nel quale è riportato supercàzzora) e da una scena del 3° film della serie (Amici miei – Atto III, 1985) dove si legge «La Supercazzora 69 presenta» nella schermata iniziale di un filmato ricevuto in videocassetta dall’architetto Melandri (Gastone Moschin).

Immagine: scena della “supercàzzora al vigile” dal film Amici miei (1975) di Mario Monicelli.