d'oh!

In dizionario, inglese di Silvio Dell'Acqua

tipica esclamazione di frustrazione che Homer J. Simpson, personaggio della serie animata I Simpson (trasmessa negli USA dal 1989), usa quando succede qualcosa di spiacevole o si rende conto di aver fatto qualcosa di molto stupido . Divenuta comune nel linguaggio parlato, secondo il The New Oxford Dictionary of English del 1998 è «usata per commentare un’azione percepita come stolta o stupida»;[1] nel 2011 fu aggiunto all’edizione online del Oxford English Dictionary con la definizione: «esprime frustrazione quando si realizza che qualcosa va nel modo sbagliato o diversamente da come pianificato, o quando qualcuno dice o fa qualcosa di stupido».[2] L’espressione fu inventata dal doppiatore Dan Castellaneta, che si era ispirato ad una analoga espressione dell’attore scozzese Jimmy Finlayson (1887 — 1953), che prese parte a 33 film di Laurel e Hardy (noti in Italia come “Stanlio e Ollio”): “d’ooooooh”, storpiatura di Damn! imprecazione equivalente a “Dannazione!”, “Maledizione!”

  1. [1]«used to comment on an action perceived as foolish or stupid» Pearsall, Judy, Patrick Hanks. The New Oxford Dictionary of English. Oxford: Clarendon, 1998.
  2. [2]«expressing frustration at the realization that things have turned out badly or not as planned, or that one has just said or done something foolish» Online Oxford English Dictionary.

Immagine: Commons