Leggi

La sbornia delle sei

In Dal mondo, Storia di Silvio DellʼAcqua

Se oggi le grandi città australiane possono vantare una nightlife piuttosto movimentata, nel periodo tra la prima e la seconda guerra mondiale passeggiare per Sidney, Melbourne o Adelaide dopo le 18:00 poteva essere un’esperienza desolante: da quell’ora tutti i bar erano chiusi ex lege, il sole era ancora alto ma le strade deserte e silenziose. I Movimenti per la Temperanza …

Leggi

50 sfumature di Lego

In Dal mondo di Silvio DellʼAcqua

Proprio come i mattoncini, i colori Lego sono identificati da un codice univoco. Nonostante ciò la catalogazione degli stessi è più complessa di quanto sembri.

Leggi

La minifigure di Leia “schiava”

In Dal mondo di Silvio DellʼAcqua

econdo gli appassionati, la minifigure Lego più sexy (e più nuda) di sempre è quella raffigurante la principessa Leia Organa nel cosiddetto “slave outifit”, ossia il succinto costume metallico disegnato dalla costumista Aggie Rodgers, che nella trama del film le viene imposto dal gangster Jabba The Hutt durante la prigionia su Tatooine. Ne Il ritorno dello Jedi (1983), terzo film …

Leggi

La mummia di Praga

In Geografia insolita, Storia di Silvio DellʼAcqua

Un giorno non meglio precisato tra la fine del ‘500 e i primi del ‘600, nei dintorni di Praga viene disseppellita la mummia di un faraone egizio. Cosa ci faceva lì? Sarebbe stata una scoperta incredibile, se di mezzo non ci fossero stati… gli italiani.

Leggi

La Società Alpina del Friuli e le donne

In Dal mondo, Storia di Annalisa Neviani

Udine, 1974. La locale Società Alpina (SAF) riceve giovani ospiti proveniente da diverse parti d’Italia per una vacanza premio. Dalla sezione spezzina del CAI arriva una sorpresa inaspettata, qualcosa di mai visto prima: Annalisa, una donna alpinista! E mo’ come la gestiamo?

Leggi

Il mondo in una mappa illustrata giapponese del 1932

In Mappe di Silvio DellʼAcqua

Questa mappa illustrata (dimensioni originali: 106,7 x 75,7 cm) fu pubblicata in Giappone nel 1932 come supplemento alla rivista Hi no De (che significa “Alba”): i vari paesi sono decorati con le illustrazioni di Sako (o Sagyo) Shishido raffiguranti non solo gli stereotipi nazionali nell’immaginario giapponese, ma anche gli eventi mondiali dall’epoca dal punto di vista nipponico. Si nota innanzitutto la …

Leggi

Banksy sì, io no

In Arte, Dal mondo di Luigi Bandiera

Durante un’asta a Sotheby’s (Londra) l’opera di Banksy “A girl with balloon”, battuta per 1,2 milioni di sterline, si autodistrugge, tagliuzzandosi in tante esili parti. Subito dopo, un privato cittadino, proprietario di una delle 600 stampe originali dell’opera, riduce l’oggetto in striscioline di carta, augurandosi di raddoppiarne il valore. Niente da fare. Se prima la stampa valeva 40 000 sterline, ora vale un misero pound! La domanda sorge spontanea: perché Banksy può e io non posso?